Francesco Baccini

Francesco Baccini

Cantautore della scuola genovese, Francesco Baccini nasce a Genova nel ’60, dimostrando sin da piccolo il suo interesse per la musica: suona il pianoforte, dedicandosi ai grandi compositori del passato, per poi scoprire, ventenne, la musica leggera e il rock.

Il suo primo singolo è presentato, nel 1988, dietro lo pseudonimo “Espressione Musica”.
L’anno successivo, esce il suo primo album, “Cartoons”, subito premiato con la “Targa Tenco”, ma è nel secondo album, “Il pianoforte non è il mio forte”, che inaugura il periodo delle collaborazioni, grazie al suo amico Fabrizio De Andrè.

È con “Nomi e cognomi” del 1992 che ottiene il maggiore successo commerciale, affermandosi come erede della tradizione dei cantautori liguri.

Tra i successivi album, spicca, “Stasera Teatro” (2005), il quale contiene il brano “In fuga”, scritto in memoria del campione del ciclismo Marco Pantani.

Il 2008 vede Baccini nella veste di attore cinematografico. Viene infatti presentato in anteprima al Giffoni film festival, fuori concorso, il film “Zoè”, di cui Baccini è protagonista, per la regia di Giuseppe Varlotta.

Il 29 novembre 2011 esce il nuovo album “Baccini canta Tenco”, tratto dall’omonimo tour teatrale.

Baccini da De Andrè a Tenco. Conversazione con Francesco Baccini

Cantautore con una carriera di oltre vent’ anni sulle spalle, Francesco Baccini si è raccontato in un volume scritto a sei mani con Marzio Angiolani e Andrea Podestà. Il volume “Francesco Baccini. Ti presto un po’ di questa vita” (editore Zona, 2010), si è aggiudicato la Targa Tenco (la seconda, nella carriera del cantautore) all’ultima edizione del premio con il cd “Baccini canta Tenco”.

Il cantautore genovese converserà con il regista Cosimo Damiano Damato sul suo vissuto artistico regalando anche qualche perla, fra cui la cover di De Andrè “La canzone delle vanità”  e “Vedrai Vedrai” di Tenco senza dimenticare qualche suo successo come “Ho voglia di innamorarmi”.