Monika Dobrowolska Mancini

Foto di Monika Dobrowolska Mancini
Monika Dobrowolska Mancini

Monika Dobrowolska Mancini

Monika Dobrowolska Mancini, moglie di Roberto Mancini, poliziotto che mise in luce la situazione ambientale in cui versava la Terra dei Fuochi. Ha pubblicato, con L. Ferrari e N. Trocchia, “Io, morto per dovere. La vera storia di Roberto Mancini, il poliziotto che ha scoperto la terra dei fuochi“(Chiarelettere, 2016).

 

 

 

 

 

 

Io, morto per dovere.
La vera storia di Roberto Mancini, il poliziotto che ha scoperto la terra dei fuochi

Io, morto per dovere. La vera storia di Roberto Mancini, il poliziotto che ha scoperto la terra dei fuochi
Io, morto per dovere. La vera storia di Roberto Mancini, il poliziotto che ha scoperto la terra dei fuochi

Io, morto per dovere. La vera storia di Roberto Mancini, il poliziotto che ha scoperto la terra dei fuochi” è un libro scritto da Luca Ferrari, Nello Trocchia e Monika Dobrowolska Mancini, edito da Chiarelettere nel 2016.

Il testo ha come soggetto il poliziotto della Criminalpol Roberto Mancini, figura centrale per la messa in luce della situazione ambientale presente nella Terra dei Fuochi.

Poliziotto stimato, marito e padre di una figlia, Mancini ha trascorso gran parte della propria carriera nel tentativo di far venire a galla la tragica situazione ambientale in cui versava la Terra dei Fuochi, pagando con la propria vita: dopo una lunga lotta contro un cancro – conseguenza dei contatti con zone altamente tossiche – Mancini muore il 30 Aprile 2014. Verrà riconosciuto come una “vittima del dovere”.

Il testo si concentra soprattutto sull’aspetto professionale di Roberto Mancini: l’approccio al suo lavoro e i risultati da egli ottenuti costituiscono il nucleo del libro.

L’elaborato, inoltre, mette in evidenza anche le sfumature del Mancini uomo: dagli anni giovanili alla scelta di indossare la divisa, dalle abitudini ad alcuni aneddoti inerenti al rapporto con la moglie Monika.

Il libro regala al lettore la dignitosa figura di Roberto Mancini: l’uomo e il poliziotto.

 

Note sugli autori Luca Ferrari e Nello Trocchia

 

Luca Ferrari, giornalista, regista, documentarista e fotografo, ha collaborato con “La Repubblica”, “L’Espresso”, “The Huffington Post” e “Il Fatto Quotidiano”, oltre che con la trasmissione “Servizio Pubblico”.

Il suo primo film, “Pezzi” (2012), prodotto da Valerio Mastandrea, ha vinto il premio Doc It – Prospettive Italia Doc per il migliore Documentario italiano al Festival Internazionale del film di Roma, oltre ad ottenere la candidatura come miglior documentario al David di Donatello 2013.

Il suo secondo film, “Showbiz” (2015), prodotto da Valerio Mastandrea, è stato presentato alla Festa del Cinema di Roma.

Tra le sue pubblicazioni si segnalano:

  • Bassolino e la nuova camorra. Indagine sulla svendita di una città (Controcorrente, 1997);
  • Nick Drake. The sweet suggestions of the pink moon. Con CD. Ediz. italiana e inglese (Stampa Alternativa, 1999);
  • Robyn Hitchcock. A middle class hero. Con CD Audio. Ediz. italiana e inglese (Stampa Alternativa, 2000);
  • Folk geneticamente modificato. Con CD Audio (Stampa Alternativa, 2003);
  • Rebibbia (H.E.-Herald Editore, 2005);
  • La fabbrica dei giorni. Il Lido di Venezia raccontato in 3D (Granviale, 2009);
  • Latitudini V. Parole in viaggio (Granviale, 2011);
  • Belly roads…Parole di danza, sentieri d’Oriente (Granviale, 2012);
  • Costruire esperienze didattiche di online collaborative learning (Junior, 2015);
  • (Con N. Trocchia e M. Dobrowolska Mancini) Io, morto per dovere. La vera storia di Roberto Mancini, il poliziotto che ha scoperto la terra dei fuochi (Chiarelettere, 2016);
  • Misericordia per tutti. Il sacramento della riconciliazione come cammino (San Paolo Edizioni, 2016);

 

Nello Trocchia, giornalista e cronista, collabora con “Il Fatto Quotidiano”, “L’Espresso” e LA7. Vincitore dei premi “Paolo Borsellino” e “Articolo21” per la libertà di informazione.

Tra le sue pubblicazioni si segnalano:

  • Federalismo criminale. Viaggio nei comuni sciolti per mafia (Nutrimenti, 2009);
  • (Con T. Sodano) La peste. La mia battaglia contro i rifiuti della politica italiana (Rizzoli, 2010);
  • (Con M. Bonaccorsi e Y. Sina) Roma come Napoli. Il malaffare di politica e signori della monnezza che mette in ginocchio il Lazio e la capitale (Castelvecchi, 2012);
  • (Con L. Ferrari e M. Dobrowolska Mancini) Io, morto per dovere. La vera storia di Roberto Mancini, il poliziotto che ha scoperto la terra dei fuochi (Chiarelettere, 2016);