Rosario Priore

Foto di Rosario Priore
Rosario Priore

Rosario Priore

Rosario Priore è nato a Salerno il 23 Settembre 1939.

Magistrato, ha seguito alcuni dei più importanti casi di terrorismo interno ed estero, oltre ad aver collaborato con la Commissione Parlamentare per le stragi e il terrorismo.

È stato, dal 2001 al 2007, Capo Dipartimento presso il Ministero della Giustizia.
Ha ricoperto la carica di direttore della rivista di politica e giustizia “Dike“.

Tra le sue opere si segnalano:

  • L’attentato al Papa (Kaos, 2002);
  • (Con G. Fasanella) Intrigo internazionale. Perché la guerra in Italia. Le verità che non si sono mai potute dire (Chiarelettere, 2010);
  • (Con S. De Prospo) Chi manovrava le Brigate Rosse? Storie e misteri dell’Hyperion di Parigi, scuola di lingue e centrale del terrorismo internazionale (Ponte alle Grazie, 2011);
  • (Con G. Paradisi) La strage dimenticata. Fiumicino 17 dicembre 1973 (Imprimatur, 2015);
  • (Con V. Cutonilli) I segreti di Bologna. La verità sull’atto terroristico più grave della storia italiana (Chiarelettere, 2016);

 

 

I segreti di Bologna.
La verità sull’atto terroristico più grave della storia italiana.

Copertina di "I segreti di Bologna. La verità sull’atto terroristico più grave della storia italiana" - Rosario Priore
“I segreti di Bologna. La verità sull’atto terroristico più grave della storia italiana” – Rosario Priore

I segreti di Bologna. La verità sull’atto terroristico più grave della storia italiana è un libro scritto da Rosario Priore ed edito da Chiarelettere nel 2016.

Il testo, in collaborazione con Valerio Cutonilli, ha come soggetto la strage avvenuta il 2 Agosto 1980 alla stazione di Bologna, il cui bilancio fu di 85 morti e 200 feriti.

Riprende gli avvenimenti alla luce di una linea interpretativa che Rosario Priore, magistrato dalla lunga esperienza, analizza con precisione.

Avvalendosi di una serie di documenti riservati, mostra come l’evento fosse in realtà collegato a diversi e numerosi fattori di natura sociopolitica, da sempre caratterizzanti la situazione italiana.

Nonostante l’avvenuto arresto dei tre attentatori, queste ed altre verità sarebbero venute a galla soltanto dopo molti anni di ricerca.

Il testo presenta – oltre al carattere d’inchiesta – numerosi riferimenti storici ed offre la possibilità di riflettere su uno dei più tragici e controversi eventi della storia italiana.